Home

« Una donna non con uman volto
Da’ Zefiri lascivi spinta a proda
Gir sopra un nicchio; e par che ‘l ciel ne goda
Vera la schiuma e vero il mar diresti,
E vero il nicchio e ver soffiar di venti:
La dea negli occhi folgorar vedresti,
E ‘l ciel ridergli a torno e gli elementi
L’Ore premer l’arena in bianche vesti,
L’aura incresparle e’crin distesi e lenti:
Non una, non diversa esser lor faccia,
Come pare che a sorelle ben confaccia »
(Poliziano, Le Stanze per la Giostra)

Botticelli - "La Nascita di Venere", 1482-85 ca. Galleria degli Uffizi (Firenze)

Botticelli – “La Nascita di Venere”, 1482-85 ca. Galleria degli Uffizi (Firenze)

La “Nascita di Venere” di Sandro Botticelli (Firenze, 1º marzo 1445 – Firenze, 17 maggio 1510) è conservata nella Galleria degli Uffizi di Firenze ed è una delle icone della storia dell’arte e della cultura italiana, tanto da essere citata in un suo particolare (il volto della dea) sulla moneta da dieci centesimi.
L’opera, contrariamente al titolo che le è stato assegnato, non rappresenta la nascita della dea dalla spuma del mare, ma il suo approdo sull’isola di Cipro. Come racconta la poesia di Poliziano, ispirata a Ovidio, Esiodo e Lucrezio, Venere è rappresentata mentre avanza verso l’isola su di una conchiglia, leggermente sospinta dal soffio di Zefiro. Il vento Zefiro è raffigurato abbracciato ad una donna, probabilmente la ninfa Clori o i venti Aura e Bora. Sulla riva dell’isola una delle Ore porge alla dea un manto decorato con mirti, primule e rose.

L’opera è un’allegoria neoplatonica e racconta in immagini uno degli elementi caratteristici della filosofia dell’epoca: l’amore celeste, energia vivificante e forza motrice della Natura. La Venere, nella sua posa da Venus Pudica (che si copre con le braccia le nudità), rappresenta la personificazione della Venere celeste, simbolo di purezza, semplicità e bellezza disadorna dell’anima.

La “Nascita di Venere” di Botticelli è un capolavoro non soltanto per il suo significato altamente filosofico, ma anche per il suo stile lineare ed elegante. La ricerca della bellezza ideale è condotta anche attraverso le pennellate sinuose ed aggraziate, con linee di contorno nette e raffinate e una composizione bilanciata e simmetrica.

Le linee nette si ritrovano anche nell’abito nude di Balmain che sottolinea le sinuosità del corpo in tutta la sua semplicità. Le scarpe di Adriano Diamante sono ricoperte di onde di cristalli azzurri e turchesi che richiamano la spuma del mare che brilla sotto i piedi della Venere. L’oro dei lunghi capelli della dea si ritrova nell’oro della clutch di Elie Saab, anch’essa ricoperta di luccicanti cristalli.

Outfit Venere

Outfit Venere

Vestito: BALMAIN ABITO CORTO PECHE
979 € – vinicioboutique.com

Scarpe: Adriano Diamante Mystic Ocean Wedge
$1,495 – adrianodiamante.com

Clutch: ELIE SAAB Long Structured Leather And Crystal Clutch
€835 ($1,110) – boutique1.com

Anello: Swarovski Nirvana Indicolite Crystal Ring
€115 ($155) – http://www.swarovski.com

Kit makeup: Benefit Cosmetics Feelin’ Dandy Lip & Cheek Kit
€21 ($28) – sephora.com

Ombretto: LANCOME Ombre Hypnôse Eyeshadow Pearly
€20 (£17) – harrods.com

Smalto: Opi Dulce De Leche
€19 (£16) – nelly.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...